Dettaglio Documenti - Falck
Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2021
press_release
2021-11-10

COMUNICATO STAMPA

  

Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2021

  

Continua crescita e diversificazione della pipeline di progetti in sviluppo raggiunti 7,2 GW (+157% vs 31 dicembre 2020) e della capacità installata (+13% vs 2020) 

Aumento degli investimenti (+107% vs 2020) e della spesa per sviluppo di nuovi progetti (+68% vs 2020)  

Ampliato nel terzo quarter l’impatto economico legato alla scarsa ventosità 

 

RISULTATI ECONOMICO-FINANZIARI

Ricavi a 348,2 milioni di euro, rispetto a 275,8 milioni di euro dei primi nove mesi del 2020;

Ebitda[1] a 128,6 milioni di euro, rispetto a 137,4 milioni di euro dei primi nove mesi del 2020; 

Risultato ante imposte a 30,5 milioni di euro, rispetto a 42,5 milioni di euro dei primi nove mesi del 2020;

Indebitamento finanziario netto, comprensivo del fair value dei derivati, che include anche il fair value delle coperture, a 943,9 milioni di euro rispetto a 705,5 milioni di euro al 31 dicembre 2020 in crescita principalmente per l’effetto del fair value dei derivati di copertura sul rischio di prezzo dell’energia;

Capex per 147,5 milioni di euro rispetto a 71,3 milioni di euro dei primi nove mesi 2020;

Cash cost sviluppo 20,1 milioni di euro nei nove mesi del 2021 da 12,0 milioni di euro nei nove mesi del 2020;

Capacità installata alla data odierna cresciuta del 13% (+153 MW rispetto al 31 dicembre 2020);

Guidance su Ebitda migliorata: range innalzato a 196-205 milioni di euro.  

 

PRINCIPALI RISULTATI INDUSTRIALI 

  • Raggiunti circa 7,2 GW di pipeline [2] (+157% rispetto a dicembre 2020); ingresso in Finlandia [3] e avvio attività di eolico marino galleggiante in Italia; 

  • Produzione totale pari a 1.963 GWh (-0,7% rispetto ai primi nove mesi del 2020) parzialmente compensata dall’aumento della capacità installata in Svezia, Spagna e Stati Uniti;
  • Confermata la scarsa ventosità nel Regno Unito, Svezia, Norvegia e Francia nei primi 9 mesi del 2021 specialmente confrontata con la ventosità eccezionale registrata nello stesso periodo del 2020 (indice di produzione interna di riferimento: -13,9% nel 2021 in confronto a +1,4% nel 2020);
  • Entrata in esercizio commerciale dell’impianto solare Westmoreland (29,6 MW) negli Stati Uniti;
  • Eolico marino galleggiante: lanciato con BlueFloat Energy programma di sviluppo di nuovi progetti eolici marini (fino a 2,5 GW in Italia);
  • Lanciata la prima campagna di lending crowdfunding in Italia con l’obiettivo di coinvolgere le comunità locali nel finanziamento, nella costruzione e nello sviluppo dell’impianto agrivoltaico (10 MW) a Scicli, in provincia di Ragusa;
  • Energy management: dispacciati 1.278 GWh nei primi nove mesi del 2021 in Italia e nel Regno Unito  (+38% in confronto ai primi 9 mesi del 2020); di questi, 759 GWh dispacciati da Falck Renewables e 519 GWh da terzi;
  • Andamento positivo nei business dei servizi: Vector Renewables: Ebitda +0,5 milioni di euro rispetto allo stesso periodo del 2020; downstream services: +1,9 milioni di euro rispetto ai primi 9 mesi 2020; completata l’acquisizione di SAET SpA e iniziata l’integrazione in Falck Renewables Next Solutions.
 


Milano 10 novembre 2021 - Si è riunito oggi il Consiglio di Amministrazione di Falck Renewables S.p.A. che ha esaminato e approvato il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2021.

L’Amministratore Delegato Toni Volpe ha così commentato: "Il 2021 è senza dubbio un anno di grande svolta sulla strategia industriale con una crescita significativa della nostra pipeline e una sua maggiore diversificazione tecnologica e geografica. Abbiamo di gran lunga superato il nostro obiettivo annuale, più che raddoppiando la pipeline rispetto a dicembre 2020 e innalzando a 20 GW il nostro target di crescita al 2025. A livello di produzione, in questi primi nove mesi dell’anno registriamo ventosità straordinariamente bassa nel Regno Unito, Svezia, Norvegia e in Francia. A questo andamento, possibile nel nostro business, abbiamo risposto incrementando e diversificando la capacità installata in Svezia, Spagna e Stati Uniti. In quest’ottica si inserisce anche il nostro ingresso in un nuovo mercato, con la firma per l’acquisto di due progetti eolici ready to build in Finlandia. Aumenta significativamente la nostra capacità installata da 1.196 MW a 1.349 MW rispetto al 31 dicembre 2020”.


  

[1] Ebitda = Ebitda definito dal Gruppo come risultato netto al lordo dei proventi e oneri da partecipazioni, dei proventi e oneri finanziari, degli ammortamenti, delle svalutazioni e degli accantonamenti ai fondi rischi e delle imposte sul reddito. 

[2] I MW inclusi nella joint venture Novis con Eni e nelle partnership offshore con BlueFloat sono considerati al 100% e non pro rata.

[3] Firmato accordo il 3 novembre per l’acquisto di due impianti eolici ready to build in Finlandia, della capacità complessiva di 55 MW.